Quella Sporca Sacca Nera: webserie e western all’italiana

Quando il denaro vale più della vita, la vita perde di valore. Questa è la tematica principale di cui tratta la webserie Quella sporca sacca nera. La macchina da presa è centrata sul cacciatore di taglie, Red Bill, il quale si procura da vivere mozzando le teste dei fuorilegge e riscuotendone il valore, fino al giorno in cui nella sua strada si imbatteranno prima un cannibale poi due banditi molto pericolosi e curiosi di conoscere il contenuto della sacca nera che Bill porta sempre con sé, ma soprattutto assetati di denaro:

siamo disposti a tutto per il denaro, perché il denaro può darci tutto”.

Riuscirà Bill,a portare a termine anche stavolta il suo compito? Quella sporca sacca nera è una webserie dark western di circa 100 minuti , diretta da Mattia Aragoni e girata in Sardegna, Nevada e Mojave Desert (USA). Con un titolo così, chiunque fin dall’inizio non aspetta altro di scoprire cosa contenga la famosa sacca di cui parla il titolo, e soprattutto perchè sia definita “sporca”; e sarà proprio la sacca a muovere le redini della webserie e le azioni dei personaggi. L’azione procede da destra a sinistra e da sinistra a destra seguendo sempre una linearità logica. Grazie a splendidi paesaggi, inquadrature strettamente studiate, fotografia da manuale, attori bravissimi, azione e suspense a non finire e naturalmente le musiche di Antonio Manca che ricordano molto l’andamento del buon Ennio Morricone, la webserie colleziona premi vinti al Roma Web Fest (Premio speciale della giuria al concorso “Sguardi, Visioni e Storie”, premio “Migliore Fotografia” e “Miglior Scena d’azione”) ed al Los Angeles Web Fest (migliore sceneggiatura, migliore fotografia, miglior suono, miglior montaggio e migliori attori protagonisti Maurizio Pulina e Antonio Luvinetti). Come ogni western che si rispetti, il film si conclude con il duello finale: sguardi che si incrociano, attimi di tensione, e musica incalzante. Chi sarà più lesto a colpire? Questa webserie, successivamente diventata film, è senz’altro la dimostrazione che il genere western non lo sanno produrre solo gli americani, ma che anche l’Italia, in fondo possiede persone all’altezza del genere ed in grado di saper compiere, con passione e attenzione ai dettagli, un film western italiano degno di nota.

La webserie e il suo lungometraggio sono stati presentati il 9 Dicmebre da Mirko Lino di EmerginSeries all’interno del programma del Festival sul Cortometraggio Mediterraneo “Passaggi d’Autore“.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...