Sicily WebFest: report finale

Lo splendido scenario dell’isola di Ustica ha fatto da sfondo alla seconda edizione del Sicily Web Fest (26-28 Agosto), festival internazionale sulle webserie creato dal videomaker Riccardo Cannella (autore di Run Away e Web Horror Story) e la sua casa di produzione Cinnamon (qui potete leggere l’intervista che recentemente ho fatto a Riccardo).

La selezione di questa edizione (89 webserie provenienti da 15 paesi) ha offerto una stimolante panoramica sulle più recenti produzioni di webserie nazionali e internazionali, arricchita dalla presenza di studiosi ed esperti del settore come Joel Bassaget (Web Series Mag), Susan E. Clarke (WebVeeGuide), Chiara Bressa (WorldWideWebseries) e Mirko Lino e Giusy Mandalà (EmergingSeries) che hanno organizzato panel e moderato alcuni eventi.

Sono stati tre giorni ricchi e intensi, in cui si è respirata tutta la freschezza e la creatività di un modo “alternativo” di raccontare storie.

…ma andiamo con ordine..

la prima giornata è iniziata con l’aperitivo di benvenuto e la presentazione del programma ricco di novità: l’app del Sicily Web Fest, creata dal gruppo TRASIVO, che permette di essere sempre “sintonizzati” con il Fest; il Premio del Pubblico, un modo per far esprimere alla gente presente la propria preferenza riguardo alle webserie in gara; il percorso in Realtà Aumentata, U Qube – A Pitagoric Drift in a Mediterranenan Sea creato da Komplex – live cinema group in collaborazione con EmergingSeries. La nuova creazione di Komplex è percorso ri-composto da 16 auree disseminate sul territorio dell’isola da “catturare” attraverso l’app Aurasma e il suo sistema di geolocalizzazione. Ad esempio, puntando il visore Aurasma sulla facciata della Torre di Santa Maria, davanti alla facciata del Comune, o al cospetto del “Cristo grigio”, e in altri posti, è possibile vedere i video visionari popolati da figure mitologiche (ciclopi, medusa, ecc) che danno vita a un’esperienza suggestiva: un viaggio tra i simboli archetipici di una terra attraverso una tecnologia nuova, che ridefinisce la relazione tra utente e spazio. Tra le auree più visionarie segnalo quella della Torre di Santa Maria, in cui la Trinacria, simbolo della Sicilia, si trasforma nel volto della Medusa sino a “inghiottire” lo schermo del nostro smartphone; e quella del ciclope “cyberpunk” che sovrasta l’edificio del comune.

Infine, spazio alle novità editoriali: Cristiano Bolla ha dialogato con Pietro Tomaselli, co-autore assieme a Damiano Cantone del libro Suspense! Il cinema della possibilità.

La seconda giornata è iniziata con il panel How I Met Your Web Series: How To Communicate Your Web Series In The Web Cauldron, curato da Chiara Bressa, autrice del libro Fare webserie. La nuova frontiera del filmare in modo indipendente: teoria e prassi (Dino Audino, Roma 2014). Chiara Bressa ha offerto le proprie competenze per delineare alcune strategie promozionali e comunicative per rendere una webserie un progetto solido e sopravvivere all’oceano di video online disponibili. Tra tecniche di engagment, targeting e analisi dell’audience, il panel è stato arricchito dai vivaci interventi degli autori e videomaker delle webserie in concorso, pronti a raccontare le loro esperienze.

Dopo la parte “culturale” non poteva mancare quella “culinaria”: anche quest’anno, infatti, il fest ha fatto visita alla cucina della signora Maria Cristina, che ha coccolato il pubblico e i partecipanti con le sue pietanze, le conserve e i dolci tipici del territorio siciliano e soprattutto usticese.

La serata è continuata con la presentazione delle webserie in gara e dei loro autori a cura del sottoscritto, Giusy Mandalà e del poliedrico Joel Bassaget (Web Series Mag).

La terza giornata è iniziata con due panel pomeridiani: Digital Content is the new black: how is this market shaping right now? What can we expect? What are the opportunities? Is there a strategy for scripted content creators? di Joel Bassaget e From web series to digital series. Notes on a serial future di EmergingSeries (ringraziamo Chiara Bressa per aver tradotto in simultanea il nostro intervento).

Due panel che si sono ben intrecciati tra loro, che hanno dimostrato come il termine “webserie” non basti più a esprimere la complessità dei formati di fiction online, davanti ai cambiamenti produttivi e tecnologici stanno attraversando l’intrattenimento mediale tout court. Joel Bassaget ha dimostrato come il mercato delle webserie rischia di essere inglobato da quello stesso sistema (televisivo) da cui le webserie per antonomasia si sono differenziate. EmergingSeries ha proseguito il discorso di Joel Bassaget approfondendo gli aspetti tecnologici e le innovazioni stilistiche, narrative e immersive, legate soprattutto alla Realtà Virtuale e alla Realtà Aumentata.

La serata di premiazione è stata presentata dai Sansoni (i fratelli Federico e Fabrizio Sansone) che con un ottimo ritmo e tanta simpatia hanno consegnato i premi alle webserie vincitrici. Tra i premi vinti, segnaliamo quello del Pubblico, vinto da Il Progettino; Miglior attore: Ettore Nicoletti che interpreta l’atipico serial killer protagonista di Arthur, serie che ha vinto anche il premio come Migliore Serie; Miglior Webserie Italiana: Ritals; Miglior Webserie Straniera: Zyara.

A seguire l’elenco di tutti i premi:

Best Sound Design: IN THE CLOSET

Best Original Score Music: 5 CENTS & THE BOYZ

Best Make up: GOD BLESS ZOMBIES

Best Costume Design: THE PANTSLESS DETECTIVE

Best Visual Effects: PROJECT M

Best Art Director: LA DUMP

Best Supporting Actor: Carlo Adamo, SAVVY SPINSTER DOES THE CINEMA

Best Supporting Actress: Marie-Anne Chazel

Best Actor: Ettore Nicoletti, ARTHUR

Best Actress: Nicole Fornoff, EMMAS WELT

Best Idea: IO THE SERIES

Best No Fiction/ Documentary / Reality: HAI VISTO TOM COLLINS?

Best Comedy: MORTUS CORPORATUS

Best Drama: BEARD CLUB

Best Dramedy: A VIDA \o/ DO LUCA BATISTA

Best Sci-Fi / Fantasy: AIRLOCK

Best War / Action / Adventures: PHOENIX RUN

Best Horror / Thriller: NUMBER OF SILENCE

Best Cinematography: BEARD CLUB

Best Screenplay: MORTUS CORPORATUS

Best Editing: WSK

Best Directing: INNUMEREVOLI OMBRE

Best Italian Series: RITALS

Best International Series: ZYARA

Best Series – ARTHUR

Premio della Giuria Popolare: IL PROGETTINO

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...