Michele Pinto ci racconta il #CaorleFilmFestival

Si è conclusa domenica sera con un mega party di arrivederci la prima edizione del Caorle Film Festival.
Una kermesse di tre giorni tenutasi nell’omonima città che ha visto videomaker di tutto il mondo confrontarsi nell’ambito di 4 categorie principali: lungometraggi, cortometraggi, documentari e webserie.
Nonostante fossimo alla sua prima edizione, l’evento si è distinto da subito per l’efficienza e l’organizzazione delle giornate in cui le proiezioni, i panel e le conferenze stampa sono stati piacevolmente inframezzati da gite in barca, esperienze culinarie e concerti.
Il merito va sicuramente allo staff organizzativo, coordinato da Andrea e Alessandro Malpighi, che ha da subito creato un’atmosfera di calorosa accoglienza verso tutti i partecipanti con un occhio di riguardo, com’è giusto che sia, verso i numerosi stranieri in gara, i quali hanno potuto apprezzare da ogni angolazione “l’italianità” dell’evento. Un ruolo fondamentale lo ha giocato, in tal senso, l’aperitivo in motonave alla scoperta della laguna che, prima della premiazione, ha favorito le interazioni, gli scambi e i confronti, avvolti nei profumi della cucina veneziana all’interno di uno dei tipici casoni, le abitazioni stagionali dei pescatori.
Il resto lo ha fatto il clima, la bellezza della cittadina adagiata sul mare e la gentilezza dei sui abitanti.

Questo slideshow richiede JavaScript.

In una situazione globale in cui tanti sono i festival ormai pubblicizzati, la peculiarità del Caorle, la sua ragione d’esistere sta tutta nel suo stesso brand e nella scelta che gli organizzatori hanno portanti avanti con coraggio. Non è infatti semplicemente un film festival ma un INDIPENDENT film festival, quindi un‘isola felice per tutti quelli che fanno storytelling audiovisivo ma non appartengono a caste potenti, non hanno grosse produzioni alle spalle né un cognome altisonante perché nessuno di essi esercita il mestiere del cinema per discendenza.
Non resta quindi che augurare a questo festival tutto il successo che merita nella speranza che possa continuare ad essere un approdo per chi riesce a far cinema con poco.

Michele Pinto

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...