NewsWip – Sii come Bill Andrea Nuzzo

Creata il 22 dicembre 2015 da Andrea Nuzzo, la pagina Facebook Sii come Bill ha raggiunto mezzo milione di fan in un solo mese e oggi ne conta oltre un milione e centomila. L’omonimo canale Instagram invece conta circa 230 mila fan.

L’idea del format di Sii come Bill è nata prendendo ispirazione da un post diventato virale su Reddit: Bob senza braccia.

Bill, come Bob, è uno stickman, perché Andrea quando ha pensato il personaggio voleva che fosse il più neutro possibile. Scelta coerente con gli argomenti trattati nelle vignette, che raccontano situazioni tipiche della quotidianità, in cui chiunque può riconoscere se stesso o un proprio amico.

È interessante notare come, nonostante la crescente diffusione sui social di fumettisti e disegnatori, continuino ad avere successo pagine che propongono uno stile essenziale, con vignette realizzate con Paint, in linea con una certa tradizione del web. Basti pensare ai “Rage comics” iniziati a circolare, secondo alcune fonti, nel 2008 su 4chan e poi diffusisi attraverso i social network.

In un contesto in cui ad ogni accesso alla rete siamo bombardati da decine di informazioni al secondo, messaggi veicolati con strutture semplici e ripetitive, facilmente riconoscibili e che non richiedono un’eccessiva concentrazione per comprenderli, riescono ad emergere più facilmente. Nel caso specifico di Sii come Bill, esiste solo un set di personaggi principali Bill, Billa, Lib, Bob e pochi altri più rari, che tranne piccole variazioni per renderli coerenti con gli argomenti trattati in alcune vignette, sono sempre presenti allo stesso modo. Il messaggio della vignetta, infatti, non è affidato all’immagine ma al testo. Il disegno assolve quasi una funzione da logo, da marchio di fabbrica che dice immediatamente all’utente che tipo di messaggio testuale aspettarsi.

Anche il testo ha una struttura semplice e predefinita: presentazione personaggio, descrizione della situazione e del comportamento ritenuto sbagliato, chiusa ironica e firma. Il messaggio dunque è condensato in pochi caratteri nello spazio centrale insieme alla chiusa ironica. Anche le spaziature tra le varie parti sono quasi sempre le stesse.

Al successo di Sii come Bill certamente ha contribuito anche una community molto attiva. Su Facebook associato alla pagina esiste il gruppo Aspiranti Bill, mentre su Instagram è stato creato il profilo Siamo come Bill. In entrambi i casi, i membri della community propongono idee per i nuovi post e, se il post proposto viene pubblicato, il fan che lo ha ideato viene menzionato. Una forma di fidelizzazione che si è consolidata negli anni sui social, che da un lato permette agli admin di avere costantemente nuove idee, dall’altro permette ai fan di avere visibilità e di sentirsi parte attiva di una community più vasta.

Ulteriori considerazioni e approfondimenti li trovate nell’intervista rilasciata da Andrea Nuzzo a NewsWip.

Riccardo Lo Bue

 

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...