Da Project M a In Vino Veritas. Intervista al regista Michele Pinto

Qui ad EmergingSeries si è sempre molto curiosi! Abbiamo contattato il regista Michele Pinto, attivo da anni nella sua Puglia a macchinare soluzioni sempre nuove per i suoi progetti. Un autore che sta vivendo un 2018 web-seriale di fuoco: se infatti sono appena finite le riprese di In Vino Veritas, i cui primi due episodi saranno visti in anteprima a fine maggio, continua intanto la cavalcata tra i festival della precedente serie di Pinto, Project M, che già vanta la soddisfazione di diversi premi nazionali e internazionali. Continua a leggere “Da Project M a In Vino Veritas. Intervista al regista Michele Pinto”

Annunci

The Slide Projector: una webserie che guarda al lungometraggio

Presentata alla XIII edizione del Festival Passaggi d’Autore, nella sezione dedicata all’eccellenza delle webserie dell’area mediterranea (coordinata da EmergingSeries), The Slide Projector è la prima serie firmata Mirko Zaru. Girata ad Oristano, si tratta di un thriller, ambientato perlopiù all’interno di un museo etnografico dove la guardia notturna – lo sfaticato Victor Martinez – verrà a conoscenza, torcia alla mano, di alcuni inquietanti misteri. Delle enigmatiche diapositive per un proiettore, lo stesso che dà il titolo al progetto, scatenerà imprevedibili conseguenze. Continua a leggere “The Slide Projector: una webserie che guarda al lungometraggio”

Shotgun Boogie: il webdoc sul jazz di New Orleans

Da non perdere per gli appassionati di musica Jazz è questo progetto uscito in 12 episodi nel 2017:  Shotgun Boogie, ovvero un viaggio per New Orleans, nome che è leggenda per il jazz delle origini. Questo webdoc è opera di un team capitanato dal tecnico audio Michele Boreggi, ideatore del progetto, accompagnato da Colleen Rowley, Hanna Swenson e Sean O’ Gradley, nessuno dei quali originari della più celebre città della Lousiana, e perciò per primi impegnati a scoprirla ed esplorarla. Continua a leggere “Shotgun Boogie: il webdoc sul jazz di New Orleans”

Poppy: transmedia youtuber

Non accenna a calare, dopo quasi tre anni, il martellamento di notifiche youtube da questo curioso, bizzarro canale a nome Poppy. Un canale che si è fatto spazio (in alcuni casi molto spazio, come testimoniano le 11 milioni di visualizzazioni di questo video) con contenuti un po’ spiazzanti, che hanno dato il via a un tam-tam  di interpretazioni e chiavi di lettura; e che ci tiene, peraltro, a mantenere alcuni suoi elementi nel mistero.

“Ma di che diavolo stiamo parlando?” sarebbe una domanda da prendere alla lettera per questa icona che certi complottisti hanno tacciato di malcelato satanismo. Si cercherà qui di chiarirla ai nuovi arrivati:

Continua a leggere “Poppy: transmedia youtuber”

Ritals: Italia e Francia in una webserie

Chi scrive il presente articolo ha ben presente la diaspora attuale di giovani (e non) Italiani all’estero: gli incontri regolari con molti amici sono un vecchio ricordo, c’è chi ormai vive a Bristol, chi in Belgio, chi nella lontana Cina. Internet è il luogo/non-luogo in cui continuano i nostri contatti. Si capisce allora come sia efficace una webserie come occasione d’incontro/confronto tra la grande comunità di compatrioti espatriati. Ritals è un prodotto dalla vena particolarmente ironica, ed è anche molto popolare, con picchi di visualizzazioni che superano anche le 200.000 visite. Continua a leggere “Ritals: Italia e Francia in una webserie”

Milzaman: il supereroe dello street food palermitano

La Maladolescenza è il nome del collettivo che ha realizzato i tre episodi di questa grottesca web-serie ambientata a Palermo. Il primo episodio, lanciato a dicembre del 2015, narra la genesi di Milzaman, bizzarro supereroe alter-ego di Tony Scalici, di professione “meusaro” (venditore di panini con la milza), che, sepolto da un carico di immondizia, subisce una mutazione in stile Marvel: avrà il potere di scagliare dal suo polso fette di milza contro la famiglia mafiosa che lo vessa con le richieste di pizzo. Continua a leggere “Milzaman: il supereroe dello street food palermitano”